metemozioni

ANTICHE CIVILTA’

ANTICHE CIVILTÀ

Gli occhi sono inutili se la mente è cieca”

IN EVIDENZA

PARTENZE OGNI MARTEDÌ
√ Tour in condivisione garantito con MINIMO 2 partecipanti
(i clienti condivideranno guide, mezzi e porzioni di programma con altri partecipanti italiani)
√ Sistemazione in Hotel 4 stelle
√ Trattamento di pensione completa
√ Guida locale parlante italiano

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO

1° GIORNO: AMMAN

Arrivo all’aeroporto Internazionale Queen Alia di Amman. incontro con il nostro assistente locale parlante inglese che si occuperà dell’ottenimento del vostro visto di ingresso.  Trasferimento in albergo per la sistemazione. Cena e pernottamento.

2° GIORNO: AMMAN – (MADABA – MONTE NEBO – SHOBAK) – PETRA
TRATTAMENTO DI PENSIONE COMPLETA

Incontro con la guida ed il resto del gruppo
Si lascia la capitale e percorrendo la famosa Strada dei Re, la prima sosta è alla “città dei mosaici”: Madaba (40 km, 45 minuti circa). La sua storia ci riporta ai primi secoli del cristianesimo quando la città era un importante rotta commerciale. Fiorì sotto gli imperi romano e bizantino, ma fu completamente abbandonata quando venne distrutta dal terremoto del 746 d.C… Solo alla fine del XIX secolo, quando i cristiani si stabilirono in questa zona, cominciarono a tornare alla luce resti di chiese e iniziò la scoperta di magnifici mosaici, tra i quali il più famoso e suggestivo è quello della Mappa Musiva nella Chiesa di San Giorgio. Risalente alla seconda metà del VI secolo, con due milioni di pezzi di pietra dai colori vivaci, oggi è possibile ammirare circa un quarto del mosaico originale. Si riprende la Strada dei Re per 10 km per salire a circa 1.000 metri e giungere al Monte Nebo dalla cui cima, in una giornata limpida, si potranno ammirare il Mar Morto, Betlemme e perfino Gerusalemme. Il Monte Nebo ha un profondo significato religioso, infatti si ritiene che sia il luogo dove Mosè si fermò per vedere la sacra Terra Promessa prima della sua morte. Nel IV secolo, alcuni monaci egiziani, costruirono sulla cima della montagna un piccolo monastero in sua memoria. Proseguimento per il Castello Shobak, la roccaforte, nota come Mont Realis (Montreal), fu costruita nel 1115 d.C. da Baldovino I. Subì numerosi assalti da parte di Saladino prima di cadere nelle sue mani nel 1189, fu poi restaurata dai Mamelucchi nel XIV secolo. Il castello è arroccato in cima a una piccola collina a nord-est della città di Shobak. A prima vista sembra che rimangano solo rovine, ma poi all’interno sarà interessante scoprire l’antica struttura del castello, percorrendo corridoi e cunicoli tra pietre e ruderi. Sono presenti resti di terme, cisterne e condutture dell’acqua piovana, oltre a macine per la spremitura delle olive, alcuni archi e altre opere che hanno resistito al tempo. Sotto la fortezza si trova una sorgente raggiungibile da un pozzo costituito da 375 gradini scavati nella roccia (non accessibile). Si rimarrà colpiti dal panorama intorno al castello: la struttura si trova praticamente in mezzo al nulla ed è circondata da un paesaggio quasi lunare. Si potrà scorgere in lontananza qualche gregge e sarà simpatico gridare nel silenzio della vallata per giocare con l’eco. Al termine della visita partenza per Petra (30 km, 30 minuti circa). Sistemazione in albergo. Pernottamento.

3° GIORNO: PETRA
TRATTAMENTO DI PENSIONE COMPLETA

Si parte per ammirare una delle sette meraviglie del mondo: l’antica città di Petra, uno dei tesori nazionali della Giordania in eredità dai Nabatei, un laborioso popolo arabo che si stabilì nel sud del paese più di 2000 anni fa e fece di Petra la capitale del suo regno. L’accesso al sito archeologico è una emozione unica al mondo che si gusta piano piano percorrendo il cosiddetto Siq, la stretta passerella tra pareti rocciose e sculture. Come per incanto, appena il sentiero diventa ancor più stretto e scuro, uno spiraglio di luce illumina improvvisamente il famoso Al-Khazneh, il Tesoro!!! La costruzione venne scolpita nella roccia come tomba per un re nabateo e forse successivamente usata come tempio. La facciata è larga 30 metri e alta 43. L’interno non è visitabile ed è estremamente spoglio. Si prosegue per il Teatro e per le Tombe Reali. Al termine della visita si avrà un po’ di tempo a disposizione per esplorare liberamente il sito che riserva molteplici sorprese in un susseguirsi di emozioni. Segnaliamo il Grande Tempio a sud della strada Colonnata e il Monastero Ad Deir che si raggiunge percorrendo circa 1.600 metri su un dislivello di quasi 200 metri e salendo oltre 800 gradini. Il sito archeologico di Petra è stato dichiarato Patrimonio dell’Unesco nel 1985. Rientro in albergo. Pernottamento.

4° GIORNO: PETRA – (WADI RUM) – AMMAN
TRATTAMENTO DI PENSIONE COMPLETA

Parte della mattina è dedicata alla visita del Siq Al-Barid o Piccola Petra. Si pensa che sia stato un importante sobborgo di Petra e comprende tombe, templi, canali d’acqua, cisterne scavate nella roccia e resti di affreschi su intonaco. Partenza per la “Valle della Luna”: il deserto di Wadi Rum (120 km, 2 ore circa). Una distesa ininterrotta di sabbia e dune dove vivono le tribù nomadi beduine. Un luogo semplicemente magico e di una bellezza stupefacente. Il modo migliore per godere a pieno della calma del deserto e per ammirare i diversi scenari che si nascondono, è un giro in jeep 4×4 della durata di circa due ore. Al termine rientro ad Amman (320 km, 4 ore circa) e sistemazione in albergo. Pernottamento.

5° GIORNO: AMMAN

Prima colazione in albergo. Trasferimento in aeroporto e  fine dei nostri servizi.